mercoledì 28 gennaio 2015

Masha e Orso

Complicato riprendere a scrivere dopo così tanto tempo.
L'unica sensazione possibile è il non sapere con quali parole, tra le mille che hai in testa, riempire lo schermo bianco.
Come quando non senti un amico per tanto tempo
poi lo incontri, ci parli per pò,
ma quando te ne separi ti rimane l'amaro in bocca
ti sembra di non esser andato davvero nel profondo
di esserti solo superficialmente aggiornato sulle reciproche novità,
ma solo le cose grosse,
il lavoro che hai cambiato, il nuovo fidanzato, il bel viaggio che hai fatto.
Nel non detto rimangono invece i dettagli.

Ma sono i dettagli del quotidiano la parte migliore,
il film che hai visto al Cinema mercoledì scorso, il mal di gola di ieri subito dopo essere tornata dalla passeggiata sul fiume, o l'aver visto l'amica dell'amica al bar con un bel tipo che non sembrava proprio il marito...

Sciocchezze, dettagli, chiacchiere, aneddoti.
La routine che è argomento di conversazione solo con un amico con cui si parla ogni settimana.

Ecco a mio avviso superato il limite temporale della settimana/dieci giorni,
non ha più senso far cenno alle mille cosucce accadute,
e persino una litigata furiosa col marito, che raccontata subito sarebbe stata psicoanalizzata per un'ora e un quarto..dopo un mese...boh tanto vale non farne neanche cenno...

Tutto questo per dire
che sono stata via troppo.

Che non posso rimediare. Che non ha senso raccontare ora tutto ciò che è successo nelle vite mie e di Mr.Marito in questo luuuuuuungo luuuuuuuuunghissimo anno da quando i bimbi sono con noi.

Che i Pingui avrebbero aneddoti su aneddoti
che Pinguo fà questo
e Pingua fà quello
e che lo fanno proprio bene
e che anzi come lo fanno loro nessuno mai al Mondo prima...
ma avrei dovuto raccontare mese per mese
trovare il tempo nelle mie nuove ultra concentrate giornate da mamma
di tornare qua
a questo blog
e a voi che avete fatto il tifo per noi.

Dire che non l'ho fatto perchè ero stanca
è vero solo fino a un certo punto.
Chiuderla con un comprensibile Ero assorbita da altre mille cose 
sminuisce questo luogo che per me è invece quasi sacro.
Credo che la cosa più vicina al vero sia che non ho scritto perchè ho voluto deliberatamente andare oltre. Essere una mamma, al di là delle modalità per le quali lo sono diventata.

Quando guardo i Pingui io infondo non vedo due bimbi venuti dal freddo.
Vedo due bimbi e basta.
Non sono figli dell'eterologa per sempre.
La strada che abbiamo fatto per averli, c'è, è lì, ma non mi capita spesso di pensarci.
Il donatore anche, c'è, o meglio c'è stato, e menomale che c'è stato, ma è lontano anni luce dalla nostra casa.
Il mio percorso personale e coniugale con la fivet, c'è, e rimarrà un qualcosa di faticoso doloroso e meraviglioso insieme, ma in tutta sincerità oggi non occupa più i miei pensieri come un tempo.

Oggi sono tornata per rispetto e riconoscenza verso di voi che con tanta perseveranza ogni tanto passate a vedere se mi sono decisa a dare notizie.
Vi ringrazio e mi scuso.
Mi sono sentita tante volta in colpa riaprendo il blog e vedendo che c'era qualcuno che si interessava a noi, nonostante io fossi lì muta nel mio ostinato silenzio stampa...

Ma abbasso i sensi di colpa
...pace fatta, vero?!

In un distillato eccovi i nostri amati nanetti:

Pinguo oggi è biondo alto asciutto e muscoloso come un nuotatore allenato
ha una gran voglia di parlare
indica col dito tutto ciò che gli interessa (...ossia in questa fase si può dire tutto!)
cammina male già da un paio di mesi
è emotivo
si impressiona e piange se un'altro bimbo di fianco a lui piange
assaggia con espressione dubbiosa ogni cibo nuovo
ha energia da sprecare e gattona a destra e a sinistra affannandosi senza un perchè fino a crollare a dormire il sonno dei bimbi 12 ore di fila.
Ma più di tutto Pinguo è simpatico.
Simpatico punto.
Simpatico a oltranza, con chiunque e a qualunque ora.
Sorride, ride, fà il buffone e se ne compiace, è allegro solare e ben disposto verso il prossimo,
24 ore al giorno, 7 giorni su 7,
anche con la febbre, anche due mesi fa quando è stato ricoverato qualche giorno in ospedale.
Sempre. Lui ha una sola faccia. Quella col sorriso.

Pingua è un'altra storia.
Pingua è una piccola donna. Pingua mi assomiglia molto.
Pingua è ancora lo scricciolo di quando è nata un' anno fa, sottopeso sotto ad ogni parametro,
eppure Pingua sà stare al Mondo, anzi diciamo pure che Pingua dispone e il Mondo gira attorno a lei.
Quando la sera mi si addormenta tra le braccia la ammiro,
me la studio tutta, coi suoi lineamenti dolci e minuti,
e spero per lei,
bella com'è (sì perchè Pingua è uno schianto!)
e complicata e testarda e impegnativa e rognosetta com'è,
spero per lei, che la Vita le sia lieve,
che assorba un pò della leggerezza del fratello,
che smussi gli angoli,
che non stia sempre lì a scrutare, pianificare, disporre, lottare.
Pingua spesso ci sfida.
Punta i suoi occhioni giganti su di noi e gioca a chi abbassa prima lo sguardo.
Io e il papà ridiamo tanto con lei.
Vince sempre. E' inevitabile.

In ospedale i medici mi hanno detto che i bimbi prematuri pare abbiano una carica speciale,
dovuta all'istinto di sopravvivenza.
Adesso io non vorrei essere politicamente scorretta, ma mi pare un pò una ca**ta...
i miei erano entrambi prematuri eppure sono così diversi.
Direi piuttosto che ciascuno ha carattere indole e predisposizioni proprie.

Per chi ha bimbetti che girano per casa ed è costretto a guardare Rai YoYo:
Pingua è Masha e Pinguo è Orso.




Domani è il loro primo compleanno...
Li festeggeremo con torte e palloncini.

Poi verso le 22,00 messi a letto loro,
io e MrMarito ci stapperemo una buona bottiglia di rosso
e brinderemo anche a noi due
che tutto sommato almeno per questo primo anno ce la siamo cavata più che bene...




















20 commenti:

  1. Ma che pace fatta? Mica abbiamo litigato. Mi piace molto ciò che racconti circa la tua lontananza dal blog, paragonandola alla lontananza reale quando non senti gli amici: è così. Se ti senti non dico ogni giorno, ma quasi, racconti super dettaglissimi, altrimenti le cose a grandissime linee e perdi in fondo quasi il meglio. Mi piace molto anche ciò che dici riguardo la PMA, che rimane ma ora i pinguinetti - che mi paiono adorabili nella loro diversità - sono bimbi e basta. Da prematura gemella, posso dirti che forse sì (anch'io e mia sorella siamo molto diverse) abbiamo una marcia in più: non è vanità, ma una vera resilienza è stata necessaria per vivere, nel mi caso per sopravvivere, alla nascita non mi fecero neppure vedere a mia mamma "tanto non vive" le dissero, e sono qua sanissima a 46 anni a fare il tifo per voi. Un bacio immenso e ben tornata, ti prego mi spupazzi un attimo in pingunetti per me?

    RispondiElimina
  2. Che bello leggere questi aggiornamenti!! :-) Tanti auguri a Pinguo e Pingua! E anche a mamma e papà :D

    RispondiElimina
  3. grazie per non esserti dimenticata di noi che continuiamo a fare il tifo per voi. Auguri susi

    RispondiElimina
  4. BEN TORNATA! Ti perdoniamo solo se adesso ogni tanto ci racconti di voi! Belli che siete! Ci credo che non ci pensi: tu sei LA mamma, il papà è IL papà e fine. Non importa da dove tutto ha avuto origine, ora è l'immenso che vivete che conta!
    Vi abbraccio forte e tanti auguri ai piccolini!
    Anche i miei bimbi sono così diversi...eppure stesso ambiente, regole, routine....sono piccole persone e sono favolosi! Goditeli perchè cresceranno così in fretta! La descrizione dei tuoi ricorda molto i miei: la mia battagliera Giulia e il mio simpaticone Gabriele. E sarà sempre più divertente! Noi siamo a quota 4 anni e 2 e mezzo :-)

    RispondiElimina
  5. Feliceeeee!!!!! questi aggiornamenti fanno battere forte il cuore e nascere sorrisi giganti! Che belli che siete!! E bentornati!!!

    RispondiElimina
  6. ho letto la tua storia...io in procinto di iniazrne una simile..E' stato un abbraccio sentire raccontare dei pinguini.

    Grazie di cuore...perchè leggerti è stato sentirsmi meno sola.

    A

    RispondiElimina
  7. Orso e Masha sono i nomi dei tuoi bimbi???????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. https://www.youtube.com/watch?v=1BmcE6OFRyE

      Elimina
    2. Non c'è dato proprio di sapere come si chiamano ste' due creature mamma mia!!! :D

      Elimina
  8. Che si chiamino Tizio e Caio o Pinco e Pallino cosa cambia?! Non si legge forse ugualmente tutto d'un fiato e con il sorriso? È un bel blog, una storia che ha trovato il suo lieto fine e che è di aiuto e speranza per chi ancora non ha scritto il proprio finale roseo. Indipendentemente dai nomi. Non facciamo di un luogo piacevole territorio di inutili polemiche.

    RispondiElimina
  9. Felice di sapere che va tutto bene, cara!
    Noi siamo sempre qui, sia per i dettagli a caldo che per la visione globale a freddo. E' bello comunque, no?
    :-*

    RispondiElimina
  10. Auguri ai Pingui e a voi!!! E' bello leggerti, anche dopo tanto tempo!!!! :)

    RispondiElimina
  11. Grazie a tutte...mi fa sempre piacere leggere i vostri commenti
    Un abbraccio speciale a te mia dolce Anna
    ad A che non dovrebbe mai sentirsi sola
    ...e a Cesare che non vediamo l'ora si unisca al gruppo

    RispondiElimina
  12. Felice di ritrovarti amica cara...un abbraccio a te e ai pingui

    RispondiElimina
  13. Ma che gioia leggerti di nuovo! Bentornata! Si capisco cosa intendi quando dici che volevi sentirti una mamma e basta, l'ho provato anche io quel bisogno di normalità, quasi una rivalsa sul passato. E ora Simone è solo Simone, il mio bambino :)
    Avete fatto un ottimo lavoro!

    RispondiElimina
  14. Tanti, tanti auguri a tutti voi!!!
    Rileggendoti ogni volta rivivo esperienze e riprovo emozioni e un pò, sempre, mi commuovo

    RispondiElimina
  15. POSSO SCRIVERTI IN PRIVATO? SONO LA A CHE HA SCRITTO IL GIORNO 29 GENNAIO...ti lascio il mio indirizzo...alessandracomi@yahoo.it

    RispondiElimina